Comitato di valutazione

Il comitato per la valutazione del servizio dei docenti, previsto già dall'art. 8 dell'antesignano D.P.R. n. 416 del 1974, è oggi disciplinato dall'art. 11 del D.Lgs. n. 297 del 1994, Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, prevedendo la Costituzione di un "Comitato di valutazione" che si assume, oltre ai tradizionali ruoli, il compito di "individuare i criteri per la valorizzazione del merito".

Presente presso ogni circolo o istituto scolastico, il comitato è formato dal Dirigente Scolastico, che ne è il presidente, da 2 o 4 docenti quali membri effettivi e da 1 o 2 docenti supplenti, a seconda che la scuola o istituto abbia sino a 50 oppure più di 50 docenti.

I membri del comitato sono eletti dal collegio dei docenti nel suo seno. Già la O.M. n. 267 del 1995 sugli istituti comprensivi, al comma 4 dell'art. 3, a proposito del comitato, aveva stabilito che nella "composizione debbono comunque essere presenti docenti appartenenti a ciascuno degli ordini di scuola compresi nell'istituzione verticalizzata".

Esso ha una durata triennale.